Critica
di GIANLUIGI FEDELI
Prendiamo due ottimi attori che in questo periodo non fanno faville al botteghino come Antonio Banderas e Jonathan Rhyns, incorniciamoli in una sceneggiatura riadattata un pò alla chetichella  da Justin Stanley e Marc Frydman di un film francese del 2008, Papillon Noir,  aggiungiamo la regia di Brian Goodman e spruzziamo il tutto con un pò di presuntuoso richiamo a Misery non deve morire e avremo il nostro thriller della domenica  Black Butterfly.
Critica
di GIANLUIGI FEDELI
Tra le innumerevoli trasposizioni cinematografiche provenienti dall'universo fumettistico Marvel,  i Guardiani della Galassia fu per alcuni una piacevolissima sorpresa, per altri un ennesimo film fracassone, senza una vera linea narrativa, un prodotto atto ad intrattenere sul momento e costruito per  allargare il concetto di cinema di consumo ad ogni prodotto possibile utilizzando ogni canale di comunicazione per sfruttare una linea di merchandising sfrenata che parte dalla semplice penna fino ad arrivare al più complesso dei videogames.
Recensione
di VITTORIO GIACCI
Il cinema, nell’ambito della relazione Cinema/Storia, si è sempre interessato al tema della guerra, per evidenti ragioni di azione e di spettacolarità che quel genere aveva insito in se.

Il pittore dipinge con l’occhio; la sua è l’arte di vedere tutto regolarmente e secondo bellezza.
Novalis

Il cinema racchiude in sé molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.
Akira Kurosawa