Totò le Mokò di Carlo Ludovico Bragaglia (1949)
CRITICA
di ALFREDO BALDI
La particolare predisposizione di Bragaglia per le vicende paradossali trova un felice punto d’incontro con la comicità di Totò che spesso si esprime anch’essa con una battuta felice ma priva di senso comune, con l’atteggiamento stralunato, con lo sguardo svagato o minacciosamente inquisitorio.
Uccellacci e uccellini di Pier Paolo Pasolini (1966)
CRITICA
di ALESSANDRO BENCIVENNI
Di eccezionale nitore l’interpretazione di un attore come Totò, costretto ad abbandonare gli schemi della sua comicità tradizionale per esprimere il candore e l’astuzia di un “poverello” del suo tempo (e di tutti i tempi).
La fortuna critica di Totò grazie al libro di Goffredo Fofi, "Totò" 1972
Recensione
di VITTORIO GIACCI
Il primo studio critico non è neppure italiano ma proviene dalla Lettonia ed è un saggio di 14 pagine pubblicato in un libro di autori vari intitolato Stelle del cinema estero del 1970, a tre anni comunque dalla sua morte. Dal libro di Fofi in poi è invece un florilegio di pubblicazioni (oltre 100!).
di Pier Paolo Pasolini

Un comico esiste in quanto fa una specie di cliché di se stesso, egli non può uscire da una certa selezione di sé che egli opera. Nel momento in cui ne uscisse non sarebbe più quella figura, quella silhouette che il pubblico è abituato ad amare e conoscere e con cui ha un rapporto fatto di allusioni e di riferimenti. Anche Totò ha fatto il cliché di Totò, che è un momento inderogabile per un comico per esistere. Entro i limiti di questo cliché, i poli entro cui un attore si muove sono molto ravvicinati. I poli di Totò sono, da una parte, questo suo fare da Pulcinella, da " marionetta disarticolata "; dall'altra c'è un uomo buono, un napoletano buono - starei per dire neorealistico - realistico, vero. Ma questi due poli sono estremamente avvicinati, talmente avvicinati da fondersi continuamente. È impensabile un Totò buono, dolce, napoletano, bonario, un po' crepuscolare, al di fuori del suo essere marionetta. È impensabile un Totò...