My Italy di Bruno Colella, un Effetto Notte poli-espressivo
Cinema, Arte tra le Arti
di VITTORIO GIACCI
Nel narrare le vicende di un produttore italiano (interpretato dallo stesso Colella) che gira l'Europa insieme al suo fedele e vessato segretario Diamante (Marco Torsese) alla ricerca inesausta di fondi per il suo nuovo film, "un progetto così particolare che pochi lo capiscono, soprattutto le banche",
CRITICA
di GIANLUIGI FEDELI
Nel 1980 Sthephen King, all'interno di un'antologia horror edita dalla Viking Press “Dark Forces”, pubblica una novella con l'interessante tema dell'apocalisse circoscritta, The Mist. Nel 1978, con L'ombra dello scorpione (The Stand), il genio dell'horror fantastico su carta aveva già annientato l'umanità attraverso un virus precipitando i sopravvissuti in una partita a scacchi tra Dio e il Diavolo che si contendono i rimasugli del pianeta, ma con The Mist, King utilizza l'elemento di una nebbia misteriosa e ciò che contiene per bloccare un gruppo di persone all'interno di un supermercato e studiarne le reazioni.
Alessio Scarlato, La tela strappata. Storie di film non fatti.
Recensione
“Fare una descrizione precisa di ciò che non ha mai avuto luogo è il compito dello storico”. Partendo da questa sentenza di Oscar Wilde l’autore .costruisce un libro interessantissimo sulla storia mancata del cinema, quella dei film non fatti od incompiuti, spesso più importanti di quelli realizzati.

Le corde della lira dei poeti moderni sono interminabili pellicole di celluloide.
Franz Kafka

A differenza di tutte le altre forme d’arte, il cinema è in grado di cogliere e rendere il passaggio del tempo, per fermarlo, quasi a possederlo in infinito. Direi che il film è la scultura del tempo.
Andrej Tarkovskij